Parola Profetica per il 2012 e per i prossimi anni

Come ho fatto l'anno scorso, voglio precisare che quello che vi condividerò prima di tutto deve essere messo al vaglio di noi stessi. Ciò che è dall'uomo resterà dall'uomo e non troverà conferma, ciò che è da Dio sarà stabilito. In questo non veniamo meno nella chiamata e nel compito che il Signore dà a ognuno di noi, ma in ogni cosa abbiamo bisogno sempre di vagliare tutto. Dobbiamo anche imparare a discernere ogni cosa e ritenere il buono. Come dice l'apostolo Paolo: «Non spegnete lo Spirito. Non disprezzate le profezie. Provate ogni cosa, ritenete il bene». Il discepolo deve imparare a dare il giusto valore a ogni cosa e a ponderare con sapienza e intelligenza ogni cosa. Anch'io sto imparando e imparerò ogni volta a fare questo. Quello che vi condividerò dovrà essere vagliato e nel caso non si verificasse non viene meno una chiamata. Non dobbiamo squalificare qualcuno se una profezia non si realizza. Ma dobbiamo sempre vagliare le profezie; questo lo devono fare anche gli stessi profeti. Il vaglio, infatti, ci sprona a rimanere umili e a imparare sempre qualcosa di nuovo. Non bisogna avere paura di sbagliare, perché essa nasce dall'orgoglio.

Volevo sottolineare ancora questo: la parola profetica che ora vi porterò non è il tutto, ma è ciò che credo che lo Spirito Santo del Signore mi ha mostrato per il 2012 ed è ciò che ho ricevuto per Grazia di Dio. Noi infatti non abbiamo tutto il consiglio di Dio e non siamo i depositari di tutta la Verità. Ma ho una certezza nel mio cuore: so che l’opera che il Signore ha iniziato, Lui la porta a compimento. Noi siamo uomini, ma Lui è Dio; noi cadiamo e siamo deboli, ma Lui è Forte, Giusto, Perfetto e Fedele. Questa è la cosa che più mi dà gioia, perché la gioia più grande è vedere la Sua Gloria e la Sua opera manifestarsi e il Suo Regno espandersi su questa Terra e nella Chiesa, nei Suoi discepoli, nei Suoi ministri e nelle opere che Lui ha cominciato; non in quelle di noi uomini ma in quelle che Dio ha iniziato, perché Lui le porta a compimento. Gloria a Dio!

 

Quello che vi condivido è una parola che ho ricevuto nella notte fra il 5 e il 6 gennaio. Stavolta è stata ancora più travagliata del solito. Certe parole le avevo già ricevute nei mesi scorsi, ma Dio in quella notte è venuto e le ha approfondite.

 

2012

Non è l'anno della fine del mondo: rilassiamoci! Non credete alle false profezie e alle parole ingannevoli e non conformi alla Parola di Dio. Leggiamo 2 Pietro 1:19-21: «Noi abbiamo anche la parola profetica più certa a cui fate bene a porgere attenzione, come a una lampada che splende in un luogo oscuro, finché spunti il giorno e la stella mattutina sorga nei vostri cuori, sapendo prima di questo: che nessuna profezia della Scrittura è soggetta a particolare interpretazione. Nessuna profezia infatti è mai proceduta da volontà d'uomo, ma santi uomini di Dio hanno parlato, perché spinti dallo Spirito Santo». La Parola di Dio non va interpretata, ma rivelata. L'interpretazione è nostra e in questi secoli è stata filtrata da culture, modi di pensare, religione, denominazionalismo e altro. Sia che si parli di una predicazione, di un Rhema, di un versetto o di un insegnamento dottrinale, la Parola di Dio non può essere interpretata ma sempre rivelata. Ricordiamo che ci sono profezie procedute da volontà d'uomo e da demoni. Nella Scrittura non si parla del 2012 come dell'anno della fine del mondo. Prima di arrivare alla fine dobbiamo ancora vedere la Tribolazione, il rapimento della Chiesa, la Grande Tribolazione, il Regno millenario e la battaglia finale, che vedrà l'intervento del Signore che distruggerà definitivamente Satana e tutti coloro che sono con lui. Dopodiché tra secoli e secoli ci saranno nuovi cieli e nuova terra, ma non è questo il tempo. Il diavolo però gioca sull'ignoranza della gente e cerca di portare a sé più persone possibili, perché sa di avere poco tempo per operare e allontanare i cuori dalla salvezza; sta infatti per terminare il tempo della Grazia salvifica inaugurata da Gesù Cristo e portata avanti dallo Spirito Santo. Bisogna quindi approfondire la conoscenza scritturale per non essere ingannati e rimanere sprovveduti rispetto ai tempi a venire. Dio dà conoscenza e chiarezza a chi glieLi chiede.

Il 2012 sarà un anno di grossi scossoni su molti fronti. Già se ne sono succeduti in questi anni, ma ce ne saranno altri. Questo porterà moltitudini nella Valle della decisione. Leggiamo Gioele 3:11-16: «Affrettatevi e venite, nazioni tutte d'attorno, e radunatevi! Là, o Eterno, fa' scendere i tuoi uomini valorosi! “Si destino e salgano le nazioni alla valle di Giosafat, perché là io siederò a giudicare tutte le nazioni d'intorno. Mettete mano alla falce, perché la messe è matura. Venite, scendete, perché il torchio è pieno, i tini traboccano, poiché grande è la loro malvagità”. Moltitudini, moltitudini nella Valle della decisione. Poiché il giorno dell'Eterno è vicino, nella Valle della decisione. Il sole e la luna si oscureranno e le stelle del cielo ritireranno il loro splendore. L'Eterno ruggirà da Sion e farà sentire la sua voce da Gerusalemme, e i cieli e la terra tremeranno. Ma l'Eterno sarà un rifugio per il suo popolo e una fortezza per i figli d'Israele».

Il 2012 sarà un anno di grande disorientamento, ma per coloro i quali è sorta la stella del mattino nel loro cuore (i discepoli di Cristo) ci sarà l'orientamento giusto. Non l'orientamento che proviene dalle chiese, dalle persone, dagli altri o dai Maya, ma quello che ha indicato e indicherà lo Spirito Santo.

 

Ora voglio parlarvi del numero 12. Nel corso della storia sono stati scritti tanti libri sui vari significati dei numeri, con particolare riferimento ai giochi, alla tombola e al Lotto. Il diavolo non inventa niente, lui non è il creatore, ma è solo uno scimmiottatore e un sovvertitore della Verità. Mescola la menzogna con la Verità. Lui la conosce perché era presso la Verità. Bisogna sapere che quello che il mondo ci propina è stato copiato dalla Verità. Vi porto un paio di esempi: anni fa ho insegnato sulle dodici pietre nella Bibbia. Nel mondo, la New Age ha preso per sé il significato delle pietre, attribuendogli un potere. Ma non ha inventato niente di nuovo, perché nella Bibbia si parla del significato di queste pietre. Il diavolo trova terreno fertile nelle persone ignoranti, che non sanno questo. Nella Parola di Dio si parla anche del significato dei colori. Ma, come sappiamo, in questi anni sono venute fuori pratiche legate ai colori, ad esempio la cromoterapia. Anche in questo non c'è niente di nuovo. Dove c'è un vero, c'è poi un falso, e dove c'è un falso significa che da qualche parte c'è un vero.

Nella Scrittura si parla di numeri, quindi anche la numerologia non è qualcosa di nuovo. Se esiste una falsa numerologia, allora da qualche parte ne esiste una vera. Ma noi siamo ignoranti. Il mondo intanto ci propina cose legate ai numeri e noi ci caschiamo. Il 12 ha delle specificità nella numerologia biblica: significa completezza, compimento, pienezza, fondamento, base di struttura, perfezione di governo. Ricordiamoci che la nazione di Israele era composta da dodici tribù ed ha rappresentato un tipo di governo secondo Dio sulla Terra. Il 12 lo troviamo spesso nella Parola di Dio, ad esempio in Apocalisse, nel vangelo di Luca capitolo 22 e in Matteo 10.

 

2012, anno di maggiore confusione

Il 2012 sarà un anno di tumulto di nazioni e di popoli. Ci saranno ancora guerre e rivoluzioni, piccole e alcune più grandi. Sarà un anno di disorientamento ad ogni livello e molte persone cercheranno una direzione chiara e sicura. Il Signore dice: “Vi do questa opportunità per seminare e raccogliere, perché questo disorientamento non durerà molto tempo prima che arrivi qualcuno a mettere una pace e un ordine falsi, e moltitudini ci cadranno dentro”. Ci sono credenti che sono più disorientati e imbambolati dei non credenti. Noi discepoli di Gesù Cristo non facciamo parte del disorientamento, ma dell'orientamento che procede dal Signore.

Il Signore ci darà un'opportunità: nel disorientamento ci sarà un'opportunità, perché poi nel mondo  arriverà un tempo dove finirà il disorientamento e quando sarà manifesta una certa persona, essa metterà tutti nel suo orientamento e la gente a quel punto sarà di nuovo chiusa. Da quel momento le persone diranno: “Ora finalmente abbiamo trovato l'orientamento giusto”. Nei prossimi anni di scossone e disorientamento generale potremo portare il Giusto orientamento nella vita delle persone. Non resta però molto tempo e il 2012 sarà un anno di ulteriore disorientamento.

Sarà un anno dove verranno firmati nuovi accordi a livello mondiale e il mondo tirerà un sospiro di sollievo, ma sarà effimero e non sarà la soluzione. Non ho avuto chiaro di che tipo di accordi si tratta, ma saranno a livello mondiale.

 

2012, anno del vento

Aumenteranno le tempeste di vento, sia in numero, che in frequenza e intensità. Si raggiungerà un'intensità del vento che non è mai stata toccata fino ad oggi. Questo avverrà a livello geofisico e naturale e allo stesso tempo ci sarà un vento nuovo che spazzerà la Chiesa e i suoi monumenti. Non dobbiamo essere noi a far crollare i monumenti con la nostra giustizia e le nostre parole, perché altrimenti questo giudizio ricadrà su di noi. Dichiariamo solo il Vento dello Spirito che soffia: farà Lui il lavoro. Anche perché i primi monumenti che Lui farà crollare siamo noi. Il Vento dello Spirito di Dio soffierà forte sui morti perché rivivano, sugli umili per farli volare in alto, sugli orgogliosi per farli piegare e cadere: questo sarà il Vento dello Spirito. Come avverrà nel naturale così succederà nello spirituale. Come il Vento correrà veloce, così sarà un anno veloce. Saranno veloci i servi di Dio: veloci nel muoversi e nel prendere, nel conquistare, abbattere, distruggere, costruire, edificare. Amen! Leggiamo il Salmo 104:4: «Fa dei venti i suoi messaggeri e una fiamma di fuoco i suoi ministri». Noi siamo Suoi messaggeri!

 

2012, anno di catastrofi geofisiche e climatiche

In questo anno il mondo tremerà per alcune nuove catastrofi geofisiche e climatiche. Saranno scossi il primo cielo, la terra e il mare. Una visione avuta da Laura nella notte del 26 dicembre 2011: Il Signore mi ha svegliata e mi ha portata via nello spirito con Lui dicendomi «Vieni». Non ho avuto percezione se questo avveniva nello spirito o fisicamente. So che sono andata nel Regno ed ho volato con Lui fino alla casa del Padre. Era tutto molto reale, anche la Sua presenza. Percepivo la realtà di quello che vedevo e vivevo nel Regno. Avevo tutti i sensi attivi. Poi Lui mi ha toccato da dietro e mi ha detto: «Quello che stai per vedere è il tempo che viene e che non è ancora arrivato». In quel momento ho avuto un timore, che non è paura, ma è quel timore che Dio ti mette quando le cose stanno per accadere veloci. Come reazione ho fatto un passo indietro, però la mano del Signore mi ha spinto in avanti dicendomi: «Non temere, perché Io sono con te e con tutti i Miei figli». Ad un certo punto si è aperto un mondo davanti a me: maremoti, terremoti, eruzioni vulcaniche e cicloni. Ho visto la terra che si spaccava in modo forte e da sotto salivano fiamme forti e imponenti. Poi ho visto una pioggia di fuoco che bruciava; non era solo spirituale ma anche fisica, con gli alberi che bruciavano, le case che bruciavano e le persone che uscivano in strada, nella disperazione più totale e nel grido del dolore. Il Signore guardava tutto quello che accadeva. E io dicevo al Signore: «Cosa devo fare? Cosa deve fare la Tua Chiesa?». E Lui: «Arrendersi a Me, vendere i propri possedimenti e investire nel Regno. Chi ha imprese deve lasciare il minimo indispensabile nella banca».

 

Per i prossimi anni per la nazione italiana

Questo passaggio della parola profetica non è riferito solo al 2012. Prima che il dragone si alzi e prenda possesso dell'Italia, ci sarà un favore particolare, ma breve nel tempo, per la Vera Chiesa in questa nazione. Ho visto il dragone, il Leviathan, che saliva dal mare e avvolgeva l'Italia nelle sue spire. Usciva dalle profondità del mare e avvolgeva con le sue spire la nazione e la prendeva. Non sarà subito, ma in una fase successiva. Quando sarà manifestato il dragone e la sua opera, si chiuderà questo tempo favorevole per l'Italia e per i credenti di prendere la nazione. Non sarà solo per il 2012, ma il favore sarà per i prossimi anni, non so dire quanti. Non saranno però tanti, probabilmente una manciata, prima che il Leviathan esca e prenda possesso.

Leggiamo Isaia 27:1: «In quel giorno l'Eterno punirà con la sua spada dura, grande e forte Leviathan, l'agile serpente, il Leviathan, il serpente tortuoso, e ucciderà il mostro che è nel mare». E ancora Ecclesiaste 12:1-7: «Ma ricordati del tuo Creatore nei giorni della tua giovinezza, prima che vengano i giorni cattivi e giungano gli anni dei quali dirai: “Non ho in essi alcun piacere”, prima che si oscurino il sole, la luce, la luna e le stelle, e ritornino le nubi, dopo la pioggia: nell'età in cui i guardiani della casa tremano, gli uomini forti si curvano, le macinatrici smettono di lavorare, perché rimaste in poche, quelli che guardano dalle finestre si oscurano e le porte sulla strada si chiudono; quando diminuisce il rumore della macina, uno si alza al canto di un uccello, e tutte le figlie del canto si affievoliscono; quando uno ha paura delle altezze e di spaventi per la strada, quando il mandorlo fiorisce, la locusta è un peso, e il desiderio viene meno, perché l'uomo va alla sua dimora eterna e i piagnoni vanno in giro per le strade. Ricordati del tuo Creatore prima che il cordone d'argento si rompa, il vaso d'oro si spezzi, la brocca si rompa alla fonte e la ruota vada in frantumi al pozzo, e la polvere ritorni alla terra com'era prima e lo spirito torni a Dio che l'ha dato». Questa è una parola specifica per i prossimi anni per i figli di Dio in questa nazione.

La sposa dell'Agnello di questa nazione sarà bellissima, ma avrà poco tempo per mostrarsi. Poi verrà rinchiusa in una stanza come una prigioniera. Ma il Suo Sposo arriverà e aprirà il cielo sopra di lei, la prenderà e la libererà per portarla con sé. Ho visto un salone regale di una reggia, dove ci sono tante porte e finestre e dove la Sposa, veramente bella, volteggiava in un abito splendente, glorioso e meraviglioso. Ad un certo punto, velocemente, porte e finestre si chiudevano intorno a lei e rimaneva ferma al buio, perché non si aspettava questo. Le porte e le finestre restavano chiuse mentre il soffitto del salone si squarciava al grido lacerante del Leone e una luce gloriosa veniva a prenderla e tirarla su. Il Signore ha poi esclamato: «Questa è la mia Sposa in Italia». La Sposa avrà però poco tempo per mostrarsi a questa nazione, ma sarà bellissima. Ci sarà un tempo in cui questa sposa bellissima si mostrerà alla nazione; sarà la Chiesa Vera, quella dello Spirito Santo, e sarà gloriosa e straordinariamente bella. Il tempo sarà breve, perché poi si chiuderà tutto e avverrà il rapimento.

 

2012, anno di Pienezza

L'Italia entrerà in una pienezza per il Vangelo.

 

2012, anno di Compimento

Compimento di cose che si aspettavano da anni per questa nazione e per Gesù Cristo. Si rallegreranno le nazioni che stanno pregando per l'Italia, perché sono decenni che stanno pregando e digiunando per questa cosa. Si rallegreranno, perché vedranno che finalmente l'Italia entrerà nel tempo della pienezza. Missionari e intercessori di tutto il mondo che hanno pregato e stanno pregando per questa pienezza finalmente esulteranno: «Gloria a Dio!». Amen.

 

2012, anno di Unione

Un'unione ancora più forte nella Chiesa e fra essa e Israele. Ci sarà un incremento di amore e di passione per Israele e si apriranno nuove opportunità per amare questa nazione in modo tangibile e per dichiarare e manifestare il nostro amore verso Israele. Non meravigliamoci se si apriranno delle nuove porte, anche nel parlamento israeliano.

 

2012, anno di restaurazione di molte vite

Il 2012 sarà un anno di restaurazione sia per i discepoli che per i neo convertiti. Persone che si sono perse, persone che si sono allontanate dalla Luce, dalla Verità e dallo Spirito Santo, persone che sono andate nel mondo a cercare fortuna o a scoprire qualche verità, spinte dalla passione e dal desiderio di scoprire cose nuove, ritorneranno a Lui e risponderanno alla propria chiamata. Non c'è più tempo da perdere. Ci sono chiamate specifiche a livello profetico, apostolico, evangelistico e missionario che verranno fuori, perché da troppo tempo sono state oppresse e nascoste. Il 2012 sarà l'anno della restaurazione di queste chiamate. Il Signore ci dice: «Non perdiamo più tempo a destra e a sinistra a cercare la verità; la Verità è presso di te e nel tuo cuore».

 

2012, anno di grande raccolta

Ho visto una grande opportunità di raccolta e nuove opportunità di espandere il Regno nei diversi settori della società. Si aprirà la strada per accedere al mondo della tivù e dei media. Me ne ha parlato Dio personalmente. Ci saranno occasioni nelle quali il Signore manifesterà la sua potenza in diretta tivù, in mezzo al pubblico. E questo metterà in crisi e in agitazione il palinsesto dei programmi e i registi, perché succederanno dei segni in diretta della presenza dello Spirito Santo. Però in questo c'è un avvertimento che il Signore mi ha dato personalmente e lo porto a tutta la Chiesa: occorrerà sapienza, saggezza, intelligenza e astuzia dal Regno dei Cieli, per agire, parlare e rispondere in modo giusto e anche per stare in silenzio quando sarà necessario, proprio come testimonia Gesù nella Parola di Dio e come Lui stesso faceva nei giorni della Sua missione. Ci saranno momenti in cui dovremmo parlare e momenti in cui tacere; questa, però, non è una cosa che si impara a scuola, lo dirà lo Spirito Santo sul momento: per questo abbiamo bisogno di sapienza! Dunque, nel 2012 ci sarà un'apertura particolare verso i media e quello che è già stato in piccola parte nella nazione avrà un'esplosione. Dio manifesterà la Sua potenza proprio in diretta televisiva, non so in che modo ma ho visto questo.

      

2012, anno di segni, miracoli e prodigi pubblici

Nel 2012 segni e prodigi si manifesteranno in modo pubblico e non soltanto più nelle riunioni in casa o nelle comunità, ma anche fuori. Cominceranno ad accedere le prime risurrezioni; persone morte torneranno in vita nel Nome di Gesù Cristo.

 

2012, anno apostolico

Il fondamento apostolico che è già iniziato in questi anni sarà stabilito. Già nel 2011 è cominciato il vaglio fra i falsi e i veri apostoli, fra quelli che sono veramente chiamati dallo Spirito Santo e quelli che sono stati chiamati dall'uomo, dalla religione e dalla denominazione. C'è già stata una prima cernita, che avrà un ulteriore approfondimento nel 2012. Attenzione: non mi riferisco a quegli apostoli che sono falsi perché in realtà non sono dei veri credenti e raccontano un vangelo che non è il Vangelo; parlo di quei credenti che fanno gli apostoli ma non è quella la loro chiamata, perché sono stati messi lì dai loro stessi ragionamenti, da pensieri, denominazioni, religione, dall'uomo o dal ragionamento umano e non sono stati chiamati dallo Spirito Santo. Questo è un vaglio che già è cominciato nel 2011 e proseguirà in modo ancora più forte e profondo.

Allo stesso tempo i veri apostoli avranno un'espansione del proprio capo d'azione e della missione. Sorgeranno nuove opere dello Spirito Santo attraverso questi apostoli e ci sarà un incremento nell'esercizio dell'autorità vera del Regno di Dio attraverso di loro su questa Terra; ci sarà un'autorità maggiore su Satana, sulle malattie, sui demoni, sulla menzogna e sulle autorità, anche ministeriali del governo naturale; ci saranno opportunità per dichiarare un'autorità diversa e la stessa Parola di Dio alle autorità di questa nazione. Questo però sarà legato all'Amore, alla Grazia e alla Giustizia di Dio e non al modo legalista e giudizioso del vecchio mandato profetico e apostolico, com'era stato con Giovanni il Battista. Sarà un'autorità legata all'Amore: i veri apostoli, infatti, saranno riconosciuti dallo sguardo dell'Amore di Gesù Cristo nel loro volto e nei loro occhi, anche se dovranno dichiarare dei decreti forti.

 

2012, anno di Giustizia di Dio

Molti saranno gli attacchi del nemico alla Chiesa che avanza, perché la Chiesa sarà sempre più visibile in questa nazione; ovviamente si moltiplicheranno gli attacchi del nemico e dello spirito religioso, ma Dio darà Grazia ai Suoi umili e farà trionfare la Sua Giustizia prendendo la Gloria che solo a Lui va e che Gli spetta. Sarà quindi un anno di incremento della Giustizia di Dio, che sarà manifestata nella crescente persecuzione e negli attacchi del nemico. Ma lo Spirito Santo dice: «Attenzione, non fatevi la vostra giustizia». Nell'ingiustizia molti saranno tentati di fare la propria giustizia e questo è un tranello per noi stessi. Bisogna stare attenti a non fare la nostra giustizia, ma a lasciare la Giustizia al Signore; saremo vagliati in questo, di non fare la nostra giustizia ma di rimettere tutto alla Sua.

 

2012 e l'economia

Lo Spirito Santo mi ha ricordato una parola di sapienza che ho ricevuto anni fa e che a quel tempo pensavo fosse contenuta nella Bibbia. Ero andato a cercare il versetto in Ecclesiaste e nei Proverbi, ma non 'cera, perché quella parola era rivelata direttamente dallo Spirito Santo e diceva: «La miseria va ai miseri, ma le ricchezze vanno ai figli della Gloria». A quel tempo non l'avevo subito capita ma, chiedendo allo Spirito Santo, Lui mi aveva rivelato il significato: la miseria va ai miseri, cioè a quelle persone che hanno lo spirito misero, che non sono libere e non sono ricche come Dio vorrebbe, nel loro vissuto, nella loro fede e nella benedizione stessa che Lui ci dà gratuitamente. La miseria è una maledizione, è uno spirito di questo mondo, perché in Cielo non c'è miseria. E il mondo nei prossimi anni sarà sempre più nella miseria, ma la Chiesa manifesterà le ricchezze della Gloria. Israele ci insegna. Non vogliamo il vangelo della prosperità, ma la prosperità del popolo di Dio, quella che ci spetta nel nome di Gesù Cristo. Abbiamo bisogno di imparare a stare nell'indigenza e nell'abbondanza, ma la mia sensazione è che tanti credenti siano sempre nell'indigenza; e se il popolo di Dio sta sempre nell'indigenza, allora qualcosa non va.

In questo anno la Chiesa e i discepoli faranno delle scelte coraggiose per investire nel Regno e per il Regno di Dio che avanza; non in se stessa come Chiesa ma investirà per il Regno, perché l'attenzione viene spostata. Saranno aperti dei centri di aiuto, di accoglienza e di rifugio per molti bisognosi, materiali e spirituali, perché in futuro ci saranno sempre più poveri, più ragazze madri, più uomini e donne soli e matrimoni falliti. Ci sarà un terremoto che avverrà anche a livello matrimoniale, non solo perché il diavolo verrà a dividere, ma ci saranno tanti matrimoni che non sono secondo il cuore di Dio e non avranno più ragione di essere. Alcune cose saranno degli attacchi del nemico che mineranno la famiglia e le coppie, ma in altri casi saranno un vaglio e una necessità, perché troppo spesso abbiamo costruito le relazioni con faciloneria e superficialità. Questo avverrà anche nelle chiese. Attenzione: non sono contro il matrimonio, né contro il celibato, ma bisogna ricordare che i tempi stringono ed è necessario fare la perfetta volontà di Dio; se saremo troppo occupati a pensare con chi ci sposeremo o fidanzeremo, oppure quanti figli avremo, il Signore arriverà a prendere la Sua sposa e noi rimarremo qui. Cercate prima il Regno di Dio e la Sua Giustizia e tutto il resto vi sarà sopraggiunto. Il Signore sa cosa deve essere sopraggiunto nelle nostre vite. Più andremo avanti e più comprenderemo che la vera realizzazione è solo nel Regno e nella vita Eterna, perché rimane poco tempo. Chi ha da entrare nella missione entri, chi nella chiamata lo faccia, uomo o donna che sia, figlio, bambino o ragazzo. Non ci sono limiti di età: se un bambino è chiamato come missionario anche a dieci anni, i genitori devono stare pronti a rilasciare i loro figli. Allo stesso modo le mogli devono stare pronte a rilasciare i loro mariti e viceversa. La Chiesa deve essere pronta a rilasciare mariti, mogli, coppie, singoli, figli e figlie, perché facciano la volontà di Dio e il Regno avanzi. Resta poco tempo!

Qui non andiamo a squalificare una relazione amorosa, un innamoramento, l'avere un figlio o un buon lavoro, ma dobbiamo fare attenzione su ciò che è realmente urgente e investire per il Regno. Cosa c'entra tutto questo con le tribolazioni, le scosse dei terremoti, la vendita di case e di beni? È un discorso spirituale, perché chi ha tre cose ne dia due, chi ne ha quattro ne dia tre, chi ne ha una la condivida con il prossimo, perché il tempo stringe e il Signore viene a prendere la Sua sposa. La nostra dimora non è quella terrestre, bensì celeste. Investire sul Regno vale per tutti: non solo per quelli che sono ricchi economicamente, ma anche chi ha soltanto una casa con due stanze. L'importante è la sostanza come fu nella prima Chiesa. Se una persona vende una villa e dà tutto il ricavato ai piedi degli apostoli, cosa succede? Il Risveglio! Non è l'unzione che ci manca, quella grazie a Dio l'abbiamo già. Mancano gli operai nel tempio, i missionari, una casa d'accoglienza per gli ex drogati, per le ragazze madri, per i matrimoni falliti, per le persone singole. Non significa che questo in Italia non ci sia già, ma succederà qualcosa di più grande. Il tempo per l'Italia sarà breve. E stiamo ancora a preoccuparci dei nostri figli e del loro futuro. No, il nostro futuro è nel Regno e nella venuta del Signore. Possiamo comprare tutte le case che vogliamo ai nostri figli, ma se poi rimangono su questa terra, passeranno il peggior tempo dell'umanità! Ora è necessario pagare ai nostri figli la scuola biblica dello Spirito Santo per prepararli e far in modo che siano ripieni dello Spirito Santo. Quando capiremo questo? Ci sono dei genitori, anche tra di noi, che stanno ancora a discutere se mandare i figli in missione. Quando cominceremo a rilasciarli? Tocca a ognuno di noi investire nel Regno. E non importa se abbiamo una casa sola, facciamo quello che Dio ci dice e ci chiede, e diamo quello che abbiamo. In Italia si sta ancora a giudicare quelli che prosperano e che Dio benedice, giudicando l'apparenza e non la sostanza. Dio però ci dice di non giudicare, né l'apparenza, né la sostanza, ma di adoperarsi per il bene altrui, del fratello, della sorella, della nazione e dei poveri. Invece no! Giudichiamo ancora se un fratello o una sorella ha un'auto nuova, al posto di glorificare Dio per questo. Dev'esserci un ravvedimento profondo, per il bene di questa nazione. C'è infatti uno spirito religioso che giudica costantemente la Chiesa e i servi. Questo ravvedimento profondo per l'Italia è strettamente connesso con il risveglio, perché le nazioni che hanno capito questo hanno cominciato a prosperare. Magari in questi Paesi mancano altre cose, ma quando vedono un fratello o una sorella prosperare gioiscono e non giudicano. Noi invece giudichiamo e ci teniamo stretti i nostri beni. Su questo tema c'è una riprensione molto forte da parte del Leone di Giuda. Dobbiamo cambiare e gioire per vedere l'opera di Dio che avanza. Il tempo che resta è veramente poco e la forma di questo mando passa, ma chi fa la volontà di Dio rimarrà per sempre. Amen!

Gli uomini sbagliano, infatti non siamo perfetti nell'amministrare e nell'agire, ma bisogna smettere di giudicare gli errori degli altri. Non siamo perfetti nell'amministrare i nostri beni, ma Dio ci ha concesso di amministrarli, quindi chi siamo per giudicare gli errori altrui, quando siamo i primi a farne? Smettiamola quindi di giudicare, bisogna avere fede in Dio e non nell'uomo; e quando diamo i nostri beni ai piedi degli apostoli, ricordiamoci che non li stiamo dando agli uomini ma direttamente a Dio. L'uomo sbaglia, ma Dio no, perché Lui guarda al cuore dell'uomo. Siate liberi anche di sbagliare, perché questa è l'umiltà che precede la Gloria; l'importante è che siate sempre ammaestrabili. Gioite per la prosperità della Chiesa, dei fratelli e delle sorelle, dei profeti, dei diaconi, degli apostoli e dei bisognosi. Voi siete i Figli della Gloria di Dio!

Leggiamo 3 Giovanni 2: «Carissimo io desidero che tu prosperi in ogni cosa, come prospera l'anima tua». È un cambiamento e se lo mettiamo in atto verrà il risveglio, perché ci saranno scuole, centri d'accoglienza e di rifugio, centri di missionari, di ministero e di adorazione, centri di artisti e di lavoro, luoghi per dare un'occupazione ai credenti. Non so se succederà tutto nel 2012, ma la sicurezza dei figli di Dio non è nell'accumulare soldi, bensì nell'investire per il Regno di Dio. In questo anno si sbloccheranno delle situazioni burocratiche e saranno dati dei permessi per prendere spazi, terreni ed edifici per stabilire chiese, ministeri e luoghi di aiuto, come centri di vita cristiana dove regnerà la Parola viva, la Potenza del Regno, l'Amore di Dio e lo Spirito Santo. Abbiamo poco tempo per realizzare questo! Non ci sono 20 anni come è stato concesso ad altre nazioni, che hanno visto il Risveglio da decenni. L'Italia e Israele saranno le ultime nazioni a vedere il Risveglio, ma durerà poco tempo, perché il Signore affretterà i tempi; sarà tanto Glorioso, quanto breve. Non potremo costruire edifici tra dieci anni, a quel punto i giochi saranno fatti. Dio dà Grazia in questo, ecco perché credo che Lui smuoverà delle situazioni burocratiche e avremo una velocità nel ricevere dei “sì” dalle autorità. Amen!

 

2012, anno di abbondanza

In tempo di carestia ci sarà abbondanza spirituale e ci sarà abbondanza materiale per il Suo popolo fedele all'Amore e alle promesse della Parola di Dio.

 

2012, anno dei giovani

Preparatevi, perché un popolo di giovani verrà alla salvezza e saranno infuocati per Gesù, ripieni di Spirito Santo e del Regno dei Cieli. Molti di loro avranno chiara da subito la loro specifica chiamata e vocazione per il Signore e dove dovranno entrare. E non dovremo prepararli per anni com'è stato fino ad oggi, altrimenti arriverà prima il rapimento della Chiesa. Il Signore sa già ciò che questi giovani sbaglieranno nell'esperienza e noi dobbiamo coprirli, aiutarli e dargli subito cibo, latte, pappe, nutrimento solido e poi mandarli.

 

2012, anno di ricostruzione dell'altare di sacrificio e di consacrazione

 

Il 2012 sarà un anno di vite arrese all'Amore di Dio. Ci sarà una consacrazione che scaturirà dalla Potenza e dalla Presenza di Dio che si manifesterà. Non sarà una consacrazione legale, religiosa e del “dovere”, ma una consacrazione di sostanza, perché scaturisce dall'entrare nella nuvola della Gloria e nel Regno dei Cieli. Quale sarà il risultato? Persone unte di Potenza e di Parola. Quale sarà il risultato nella ricostruzione di questo altare del sacrificio? Persone unte di Potenza e di Parola, Lode gloriosa, intercessione del Cielo, doni dello Spirito Santo e segni in manifestazione in ognuno, rivelazioni profetiche e rivelazioni della Parola ancora più profonde.

 

2012, anno dei tre battesimi e dei tre segni

Il 2012 sarà l'anno dei tre battesimi, di acqua, di fuoco e di sangue. Sarà anche l'anno dei tre segni sulla Terra, sangue, fuoco e vapore di fumo. Sono tre cose diverse, ma strettamente connesse, perché il battesimo di acqua è legato al vapore di fumo, cioè la nuvola della Gloria di Dio, il sangue al sangue come sacrificio di Cristo e sacrificio dei Suoi discepoli, e il fuoco al Fuoco come battesimo di Spirito Santo e di Potenza.

 

2012, anno di lavoro intenso e traffico per il Signore

Leggiamo Matteo 24:45-47: «Qual è dunque quel servo fedele e avveduto, che il suo padrone ha preposto ai suoi domestici, per dar loro il cibo a suo tempo? Beato quel servo che il suo padrone, quando egli tornerà, troverà facendo così. In verità vi dico che gli affiderà l'amministrazione di tutti i suoi beni». E ancora Ecclesiaste 11:1-6: «Getta il tuo pane sulle acque, perché dopo molto tempo lo ritroverai. Fanne parte a sette e anche a otto, perché tu non sai quale sventura ti può accadere sulla terra. Se le nubi sono piene di pioggia, la riversano sulla terra; e se un albero cade a sud o a nord, nel posto dove esso cade, là rimane. Chi bada al vento non seminerà, e chi sta a guardare alle nuvole non mieterà. Come tu non conosci la via del vento, né come si formino le ossa nel grembo della donna incinta, così non conosci l'opera di Dio che fa tutto. Semina il tuo seme, al mattino e la sera non dar riposo alla tua mano, perché tu non sai quale dei due riuscirà meglio: se questo o quello, o se saranno buoni tutti e due».

Nella rivelazione abbiamo applicato questi versetti sempre in un senso, ma ora guardiamoli da un altro punto di vista. Quando si parla di gettare il tuo pane sulle acque significa tutto (parola, spirito e pane). E poi dice: “Fanne parte a sette e anche a otto”. Questa è la chiave del vero comunismo, perché il vero comunismo è quello dello Spirito Santo e non quello di Carlo Marx. Quella era una contraffazione della verità, perché il vero comunismo lo ha manifestato la Chiesa a Pentecoste: a quel tempo i discepoli non consideravano come proprio quello che avevano e tutto ciò che era in più lo vendevano e lo portavano ai piedi degli apostoli e veniva distribuito secondo il particolare bisogno di ciascuno. Amen. Questo 2012 sarà un anno di grande lavoro e qualunque cosa che Dio ci darà, dovrà essere messa in opera e trafficata per Lui.

© 2012 - Centro Cristiano Fede Speranza Amore - Via Empoli, 15/2 - Firenze - CONTATTACI