Parola Profetica per il 2011 e per i prossimi anni

Gloria a Dio per questo nuovo anno, per questo nuovo tempo e per questo nuovo capitolo che si apre su questa nazione, sull’opera stessa di Dio, perché Lui fa cose nuove in ogni tempo, non si ripete mai e compie cose meravigliose.

Quello che Dio dichiara quello è. La parola degli uomini non vale niente, ma la parola di Dio non torna indietro a vuoto, e questo è il “sì” e l’“amen” da parte dello Spirito Santo.

Per questo ringrazio il Signore per ogni cosa che Lui ci rivela, e porto queste parole che ho ricevuto stando in ascolto, in preghiera, cercando il Signore con semplicità, ma anche con il desiderio di ascoltare la Sua voce.

Ovviamente ogni cosa viene messa sempre al vaglio dello stesso Spirito Santo. Come dice la Scrittura: «Parlino due o tre profeti, e gli altri giudichino» (1 Corinzi 14:29).

Quindi anche queste parole le sottometto e le sottomettiamo al discernimento stesso di Colui che ci guida, che ci rivela e che ci parla dal Cielo, cioè lo Spirito Santo e la Parola di Dio, Gesù. Amen.

Chiaramente anche queste parole profetiche non sono il tutto, sono quello che personalmente credo di aver ricevuto da parte dello Spirito Santo. Ovviamente noi non abbiamo tutto il consiglio di Dio, ma abbiamo soltanto quello che Lui ci concede di avere. Il corpo di Cristo, infatti, è un insieme meraviglioso, fatto di tanti pezzetti, anche piccoli, e di ministeri profetici, ministeri apostolici, ministeri dottorali e pastorali.

Quello che vi condividerò è solo un aspetto, ma sono alcuni punti in cui credo che lo Spirito Santo ci stia portando e ci porterà in questo anno, non soltanto noi del Centro Cristiano Fede Speranza Amore ma tutta la Chiesa italiana.

 

2011, un anno chiamato: “CRESCENDO DI LODE”

Il 2011 è l’anno di: “Crescendo di Lode”. Ma cosa significa questo? Ho visto un incremento delle ore dedicate alla Lode, ma anche del numero di persone che lodano Dio in Spirito e Verità. Ci saranno vite che si aggiungeranno in tutta la nazione, anime toccate dall’Amore di Dio, anime salvate, anime conquistate per Cristo che si uniranno alla Lode della grande assemblea.

Prima di tutto sarà un crescendo di persone, ma anche un incremento delle ore di Lode. Vedevo questo aspetto: persone che arriveranno, si fermeranno e spenderanno sempre più tempo nella Lode al Signore, nella loro vita personale, nella grande assemblea e nel cammino giorno per giorno. Questa è una cosa molto bella, con le persone che matureranno e cresceranno nelle ore dedicate alla Lode, ed essa stessa diventerà uno stile di vita. La Lode diventerà un modo di vivere per i credenti e i discepoli, giorno per giorno. Sarà qualcosa di spontaneo e non di forzato, non una cosa del “devo” lodare il Signore ma una risposta d’amore all’Amore di Dio, che viene riversato ancora di più su ogni discepolo della Chiesa italiana e su ogni cuore di questa nazione. Quindi Lode come stile di vita.

Il 2011 sarà un anno di Lode come linguaggio di fede, di fronte a battaglie, persecuzioni, tempeste improvvise e attacchi, anche contro l’opera di Dio. Non solo preghiera e combattimento spirituale ma proprio Lode, come linguaggio di fede. La Lode a Dio anche come risposta agli attacchi del nemico innalzando il nome di Gesù Cristo, il nome di Dio, il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo. Lode come linguaggio di fede, una Lode celeste e spirituale, una Lode che sale e cresce nella qualità.

Persone, credenti e discepoli, che entrano in una Lode più alta, una Lode che prende sempre più ore del giorno. Una Lode di notte, una Lode di giorno, una Lode al mattino, una Lode la sera, una Lode all’alba, una Lode al tramonto. In questo anno lo Spirito Santo spingerà ancora, in modo amorevole e deciso, credenti e discepoli a lodare il nome di Dio in ogni contesto e situazione, nel momento del ringraziamento ma anche nel momento della prova, della battaglia e dell’attacco del nemico. Ho visto questa Lode che cresce e sarà quindi un crescendo di Lode.

Lode come culti. Culti che saranno ancora una volta stravolti, culti di adorazione delle singole  comunità dei gruppi di credenti, culti veramente dalla “A” alla “Z”. Culti di Lode, ma di una Lode Gloriosa. Questo sta già succedendo da noi a Firenze, ma ho visto un’espansione in questo anno, un’espansione di questo movimento dello Spirito Santo durante i culti, che saranno sempre più culti di vera Lode.

In certe situazioni e frangenti alcune cose verranno messe da parte, ma al loro posto verrà portata questa Lode Gloriosa insieme allo Spirito Santo e agli angeli, una lode che cresce proprio durante i culti al Signore.

Lode che converte le persone, Lode come stile evangelistico. Lo Spirito Santo mi faceva vedere questa Lode che sale anche durante campagne evangelistiche, che usciranno dai canoni classici evangelici di evangelizzazione ed entreranno in un linguaggio più aperto e nuovo; in questo caso si parla proprio di Lode e non di canzoni evangelistiche. Ho visto che in aggiunta alle evangelizzazioni classiche si affiancheranno delle campagne evangelistiche che vedranno protagonista una Lode gloriosa, che crescerà nel corso dell'anno. Ci saranno gruppi di musicisti, cantanti, danzatori e artisti che si riuniranno e loderanno veramente nello Spirito: quando questo accadrà la presenza della Gloria di Dio, la Sua nuvola, scenderà e le persone verranno toccate, i non credenti verranno conquistati e visitati dalla potente presenza dello Spirito Santo attraverso la Lode. I cuori verranno toccati da Gesù non solamente attraverso il messaggio della parola predicata evangelistica, ma proprio attraverso il linguaggio della Lode. Quindi quest’anno sarà un crescendo di Lode, di Lode che adora, esalta, proclama, evangelizza, guarisce, libera gli oppressi, ama e manifesta l’Amore del Padre e l’Amore di Gesù Cristo alle persone che ascoltano. Sarà anche un crescendo di Lode che raccoglie.

Ecco un altro aspetto molto bello: Lode a 360 gradi. Ho visto un ampliamento di questa Lode in diversi stili, non solo una Lode canonizzata e un'adorazione standard, anche se unte di Spirito Santo, ma una Lode che veramente abbraccia tutti gli stili della musica e del canto. Sarà proprio una Lode Gloriosa, questo sta già succedendo e lo abbiamo visto qualche volta in questi ultimi tempi, ma la Chiesa, i credenti e i discepoli si apriranno sempre di più alla comprensione e alla conoscenza spirituale di questa Lode a 360 gradi, intesa come relazione ed esperienza, e allo stesso tempo avranno sempre più una conoscenza scritturale di essa. Sarà quindi una Lode in tutti i suoi stili diversi che veramente innalzerà il Nome di Dio Onnipotente, il Nome di Gesù Cristo e dello Spirito Santo.

Insieme a tutto questo assisteremo ad una danza che crescerà, si espanderà ed entrerà in nuovi territori secolari. Tutti coloro che sono coinvolti nella danza come linguaggio di Lode, ma anche come linguaggio evangelistico nei suoi vari stili, siano pronti e attenti perché quest’anno il Signore espanderà ulteriormente questa danza e la userà proprio come chiave per entrare in nuovi territori. Quindi i singoli ministri e le singole comunità che sono coinvolte nella danza, ma anche tutti i danzatori di ogni stile, siano pronti perché il Signore farà entrare in territori secolari, in territori nuovi e specifici. Amen.

Ho visto un'altra cosa: in questo anno certi attacchi delle tenebre verso i discepoli saranno respinti dalla Lode Gloriosa. Questo l’ho già detto, ma voglio ribadirlo e sottolinearlo ancora, perché la Lode Gloriosa del singolo discepolo e figlio di Dio, ma anche quella corporativa della comunità e della collettività, respingeranno questi attacchi.

Il Signore mi ha mostrato anche una radice, una radice profonda dello spirito religioso in questa nazione, che sarà seccata e sradicata nel Nome di Gesù, proprio a causa della Lode nuova dello Spirito Santo, nei suoi vari stili, nei suoi modi diversi, in un orizzonte più ampio e veramente aperto. Questa radice profonda dello spirito religioso è presente in questa nazione e nella Chiesa cristiana italiana, ma verrà seccata e poi sradicata a causa di questa Lode nuova, una Lode che ancora lo Spirito Santo manifesterà in mezzo alla Chiesa di questa nazione nel Nome di Gesù Cristo. Amen. Gloria a Dio!

 

2011, un anno chiamato: “AMORE DI DIO”

Il 2011 sarà un anno di Amore, un anno dove ci sarà un riversamento ancora più potente e incontrollabile dell’Amore del Padre, dell’Amore di Dio, che spazzerà via ogni falso concetto di Grazia e di vangelo evangelico e religioso. Ogni cosa che è umana, anche in seno alla chiesa rinnovata, sarà spazzata via; ogni falso insegnamento sulla Grazia e ogni sporcizia che nei secoli si è infiltrata proprio all’interno della rivelazione della Grazia del Padre, in questo anno saranno spazzati via da un’ondata rinnovata e nuova di un potente riversamento dell’Amore di Dio.

Questo Amore viene direttamente dal Cielo per mezzo dello Spirito Santo e questo Amore, ancora una volta, demolirà e umilierà ogni parola ed ogni tipo di pasturazione, all’interno delle chiese e dei ministeri, che sono ancora basati sulla carne e sulla legge, e sullo sforzo umano per adempierle. Parole sbagliate, pasturazioni e modi di curare le pecore che il Signore ci ha affidato condotti non secondo la volontà di Dio saranno scossi e umiliati, così come ogni modo religioso, carnale e legalista che sono intrinseci in certe pasturazioni e metodi di curare le pecore e gli agnelli del Signore.

Ci sarà un riversamento di Amore Puro. Ho visto i ministri che saranno inondati da questo Amore e saranno sconvolti loro stessi dal ravvedimento che avranno sul loro modo di condursi e di vivere l’Amore di Dio. Molti discepoli e molti ministri si renderanno conto che quell’amore che loro vivevano era un amore sentimentale. Perché quando arriverà questa ondata di Amore Divino, Glorioso e Celeste spazzerà via ogni concetto umano dell’amore, e scuoterà ogni concetto orizzontale dell’amore. L'amore secondo la legge sarà demolito dall’Amore Puro che catturerà i cuori a ravvedimento per Gesù e li catturerà a santità, come sta scritto in Giovanni 17:26: «E io ho fatto loro conoscere il tuo nome e lo farò conoscere ancora, affinché l’amore, del quale tu mi hai amato, sia in loro e io in loro».

Questa preghiera sacerdotale, la preghiera di Gesù per i Suoi discepoli, nel 2011 avrà ancora una conferma, perché in questi anni degli ultimi tempi la Grazia di Dio si spanderà su tutto il mondo e su tutta la Chiesa. Si spanderà anche come conquista evangelistica dei cuori lontani e come Amore di Dio di restaurazione per tutta la Chiesa nel mondo. Questa parola la applichiamo in particolare alla Chiesa italiana.

E il Signore dice: «E io ho fatto loro conoscere il tuo nome». Questa è la preghiera di Gesù presso il Padre ma è una preghiera efficace oggi. «E lo farò conoscere ancora», cioè farò conoscere il Nome di Dio. Qui significa conoscere il Suo Amore. Questo è lo scopo: conoscere Dio. E Dio è Amore, perché Lui è Amore prima di ogni altra cosa, è la Sua sostanza e la Sua essenza. Questa è la preghiera che Gesù fa per i Suoi, non per quelli che arriveranno ma per quelli che già sono Suoi. Lui dice: «Io ho fatto loro conoscere il tuo nome». Per questo oggi siamo Suoi discepoli e Suoi figli, ma Lui ci farà conoscere ancora una volta il Nome del Padre per mezzo dello Spirito Santo, affinché l'Amore del quale Lui ha amato Suo figlio sia in noi, come lo è anche Gesù.

Quindi lo scopo di Gesù, del Padre e dello Spirito Santo per questo anno è di rivelare ancora una volta l’Amore Puro e Vero, che catturerà l’attenzione di ogni cuore, sia esso credente o no. È l’Amore Puro che guarisce, attira, porta il cuore a ravvedimento, conquista a Gesù totalmente e spinge a santità. È vero, alcuni si useranno di quest’Amore ma non cambieranno. Gesù però dice: “Sarà un problema loro con Me, non è un problema degli altri. Ognuno deve studiare se stesso, cercare questo amore e bramarlo”. È Dio, infatti, che compie le cose in tutti, ed è Lui che opera ogni cosa.

L'anno 2011 si chiama quindi “Amore di Dio”. Sarà un passo ancora ulteriore, più alto e più profondo nella rivelazione, nella conoscenza e nell’esperienza con l'Amore del Padre, del Figlio, Gesù, e dello Spirito Santo. Amen.

 

2011, un anno chiamato: “PIOGGIA DI GRAZIA”

Sono già 2000 anni che lo Spirito Santo sta facendo piovere dal Cielo su ogni carne Grazia su Grazia. Come dice il profeta Gioele: «Dopo questo avverrà che io spanderò il mio Spirito sopra ogni carne» (Gioele 2:28/a). La pioggia della Grazia di Dio è già sul Suo popolo e su tutto il mondo, il Cielo è stato aperto già a Pentecoste, e questa pioggia dello Spirito Santo si riversa dal Cielo sopra ogni carne. Tutto questo accade già da 2000 anni, dal giorno di Pentecoste in cui il Signore ha fatto piovere dai cieli sopra Gerusalemme.

Ma, quello che lo Spirito Santo mi mostrava per questo anno è una pioggia crescente, un incremento crescente di pioggia di Grazia. Il Signore mi diceva: “Sta per arrivare una pioggia crescente di Grazia in mezzo a tante difficoltà, a tante prove, tanti vagli, attacchi e terremoti, ma questa pioggia di Grazia sta crescendo, come sta crescendo il sussulto del mondo, il sussulto spirituale delle tenebre. In tutto questo cresce questa pioggia di Grazia che viene riversata dal Cielo”.

Come dichiara la Scrittura “Grazia su Grazia”, che sarà manifestata in modo diverso, a seconda dei singoli casi, dei singoli discepoli e del passaggio in cui si trovano, ma anche a seconda delle singole opere nel loro percorso. Quindi, per taluni sarà un crescendo di Grazia, di riposo e pace, per altri sarà un crescendo di Grazia sul perdono e sul ravvedimento, e per altri ancora sarà un crescendo diverso (qui parlo sempre di singoli discepoli, ma anche di singole comunità a seconda del loro momento, della loro crescita personale e spirituale, anche come opere). E ancora: per qualcuno sarà un crescendo di Grazia riguardo ai beni economici, lì dove stanno aspettando questo riversamento dal Cielo e questa manifestazione per portare avanti l’opera che Dio ha affidato; nel 2011, infatti, ci sarà una crescente pioggia di Grazia proprio riguardo all’economia e ai beni materiali per la Gloria di Dio e l’avanzamento della Sua opera. Per altri, sarà un crescendo di pioggia di Grazia riguardo alla Potenza e con tutto ciò che questa dovrà manifestare, perché c’è bisogno di una Grazia ancora aggiunta in certi passaggi, casi o peculiarità. Per alcuni ho visto una pioggia crescente di guarigione, quindi una manifestazione potente di Grazia su Grazia e una pioggia incessante, che aumenta proprio riguardo alle guarigioni, ai segni, ai prodigi e a miracoli specifici.

E lo Spirito Santo mi ha dato anche questa parola: “In questo anno aumenteranno ancora - dice il Signore - le piogge naturali su tutta la Terra e saranno come dei diluvi locali; aumenteranno queste manifestazioni di piogge torrenziali in luoghi diversi della Terra e saranno come diluvi locali. Questo accadrà nel mondo, con le sue conseguenze, un mondo che riceve queste piogge e che geme ed è in travaglio a causa del peccato e delle tenebre stesse; ma la Mia ultima pioggia cadrà sul Mio popolo, e la Mia pioggia sarà crescente in questo anno 2011, essa aumenterà e travolgerà tutto, portando via ciò che non è e stabilendo quello che deve essere”. Amen. Questo anche in riferimento alla parola di Zaccaria 10:1: «Chiedete all’Eterno la pioggia nel tempo dell’ultima pioggia! L’Eterno produrrà lampi, e darà loro piogge abbondanti, ad ognuno erba nel proprio campo».

Già da anni in tutto il mondo lo Spirito Santo sta dicendo ai Suoi servi, profeti, ministri e alle chiese di porre un'attenzione particolare su questo versetto. Il Signore ha portato anche me a leggerlo con attenzione: «Darà loro piogge abbondanti». Il focus è su questo “abbondanti”. Quindi il 2011 sarà un anno di pioggia di Grazia abbondante. Una Grazia abbondante che, ripeto, verrà riversata dal Cielo per raccogliere anime. Lo Spirito Santo mi mostrava questo: sarà una pioggia per raccogliere anime. Quindi una maggiore Grazia scenderà sul Suo popolo, sul popolo di Dio, per raccogliere anime e per entrare in luoghi alti della società, al “Top”, in luoghi di vertice e diversi da quelli che sono stati fino ad oggi, in luoghi finora considerati inavvicinabili e impensabili, naturalmente parlando. Ma già da anni lo Spirito Santo parla e dà visioni riguardo a questo, ma nel 2011 ci sarà una Grazia abbondante che verrà riversata sui Suoi ministri, sui Suoi profeti e sulle chiese. Questa Grazia darà una spinta e una forza maggiore per entrare in questi territori, e manifesterà queste aperture nuove e l'ingresso di questi luoghi che fino ad oggi erano inavvicinabili, ma che da questo momento e da questo tempo saranno aperti nel Nome di Gesù Cristo. Ho visto porte aperte ancora nuove e lo Spirito Santo equipaggerà quelli che Lui sta chiamando proprio per entrare in questi luoghi. Lui equipaggerà con una Grazia particolare e con un favore maggiore. Su queste persone scenderà una pioggia di Grazia e di favore maggiore, e le persone stabilite da Dio entreranno in questi luoghi. Amen.

 

2011, un anno chiamato: “SOPRANNATURALE”

Qui c’è un avvertimento da parte del Signore: nel mondo ci sarà un incremento della manifestazione del soprannaturale, inteso come soprannaturale del nemico, diabolico e delle tenebre. Ma come accadrà questo nel mondo, allo stesso tempo ci sarà un incremento del soprannaturale del Regno di Dio e per il Regno di Dio. Questo è quello che avverrà nel 2011.

Lo Spirito Santo mi faceva vedere che Lui è pronto a questo riversamento del soprannaturale, ma questo si manifesterà solo nei discepoli e nelle chiese pronte e in tutti quei cuori che credono realmente e che aspettano questa manifestazione. Ci sarà quindi una nuova dimensione soprannaturale in cui entrare, una nuova ondata di soprannaturalità.

Certi segni del soprannaturale sono già all’opera: ormai è da 2000 anni che con la Pentecoste si manifesta questo, ma ci sarà un riversamento maggiore legato all’ultima pioggia e agli ultimi tempi nei quali siamo entrati e in cui il Signore ha già fatto entrare la Chiesa e il mondo.

I credenti grandi e piccoli (per piccoli si intende i deboli e i germogli nuovi nella fede e nel cammino) devono essere istruiti, anche quelli che già da anni seguono il Signore. C’è proprio questo avvertimento forte da parte dello Spirito Santo: tutti devono essere istruiti, per quello che è possibile ovviamente conoscere fino ad oggi, sul tema del Regno di Dio e sul mondo soprannaturale del Regno. Tutti devono entrare ed essere istruiti dall’insegnamento della Parola su questo aspetto. Tutti devono essere condotti per mano nel soprannaturale del Regno da coloro che Dio ha chiamato ed ha preposto, e che Lui sta ungendo e ungerà.

Lo Spirito Santo equipaggerà; Lui ha già unto delle persone ma continuerà a farlo: porterà queste persone, questi apostoli, questi pastori e questi profeti ad insegnare, e insieme allo Spirito Santo a condurre le persone nella dimensione soprannaturale del Regno di Dio.

Lo Spirito Santo lancia un appello ai discepoli: che tutti credano al soprannaturale ed entrino di più in questa dimensione. In questo anno il soprannaturale comincerà a prevalere sul naturale. Anche quei credenti che hanno vissuto un po’ in questo aspetto e un po’ sul piano naturale saranno travolti dal soprannaturale, e saranno portati in una continuità diversa nell'esperienza del soprannaturale e nel viverlo in tutte le sue manifestazioni, nei segni e nei doni dello Spirito Santo e dell’unzione nei miracoli. Ci saranno delle cose molto belle e particolari, anche inaspettate. Ancora una volta lo Spirito Santo, in questa ondata che verrà con il riversamento del soprannaturale, sconvolgerà delle persone in modo particolare. Queste stesse persone saranno dei segni particolari dello Spirito Santo in mezzo alle assemblee, alle riunioni, ai meeting, ai convegni e nei momenti in cui il popolo di Dio si radunerà per cercare il Signore. Quindi ci sarà un soprannaturale che comincerà a prevalere sul naturale, in tutti i suoi aspetti, come potenza, unzioni, segni, prodigi, miracoli, doni dello Spirito Santo. Tutto questo si manifesterà in un modo sempre più fluido, con visioni, rapimenti in estasi, rapimenti nello Spirito, azioni profetiche straordinarie e anche, questo lo dichiariamo, resurrezioni dalla morte naturale nel Nome di Gesù Cristo. Ci sarà ancora un incremento dell’opera del soprannaturale di Dio in mezzo a tante opere, proprio mentre si moltiplicheranno le manifestazioni soprannaturali delle tenebre.

Ma su questo i credenti e i discepoli non devono temere, non devono focalizzarsi, né dare troppa enfasi a queste manifestazioni soprannaturali delle tenebre; piuttosto dobbiamo cercare la faccia del Signore, credere alle Sue promesse, guardare alla Parola e cercare la Potenza soprannaturale del Regno, perché Dio sta per compiere una cosa nuova e sta per dare un’unzione potente che si aggiungerà a quello che Dio ha già dato in questi anni alla Chiesa nel mondo e a certi credenti e comunità in Italia. Ci sarà una manifestazione maggiore della soprannaturalità del Regno di Dio. Amen. Gloria a Dio per questo. Alleluia.

 

2011, un anno chiamato: “CAMBIAMENTO E STRAVOLGIMENTO”

Questa è un’altra parola forte che già ci ha accompagnati nel 2010, ma che in questo anno ha un focus particolare. Il 2011 si chiama “Cambiamento e Stravolgimento”. 

Per tutti i discepoli e tutti coloro che hanno un cuore per Gesù, un cuore per la Sua opera, per la Sua casa, per il Suo Regno e per lo Spirito Santo, c’è un appello urgente, un appello ancora più pressante e forte da parte dello Spirito Santo, che dice: “Amore, Amore, Amore, Passione, Zelo, Azione, Libertà, Fede, Speranza, che sono certezze”. È un appello urgente all’Amore di Dio, un appello urgente alla passione per Lui, per la Sua opera, per lo zelo, per l’azione, per la libertà e per cercare la Sua vera libertà; un appello urgente alla fede, a rinfrescare questa fede che Dio ha dato e ha seminato nel cuore di ognuno dei Suoi figli, un appello urgente ad appartasi con Lui e con la Chiesa, quindi sia personalmente che comunitariamente.

Il 2011 è un anno di cambiamento e proprio per questo il Signore chiama i Suoi ad appartarsi, perché altrimenti non riusciranno a capire, a comprendere e a captare quello che sta succedendo e quello che succederà, anche in un modo travolgente e stravolgente in mezzo alla Chiesa italiana. È necessario prendere a cuore le parole che vi ho elencato: Amore, Passione, Zelo, Azione, Libertà, Fede, Speranza e Appartarsi con Dio e con la Chiesa. Se il discepolo non le farà sue, non riuscirà a captare e ad entrare nel cambiamento e nello stravolgimento che il Signore sta per compiere in mezzo alla Chiesa di questa nazione.

Questa è una parola che prima di tutto riguarda i credenti. In questo anno ci sarà un crescendo di movimento di discepoli spostati da un luogo ad un altro, movimento che è già iniziato negli anni passati ma che andrà ad aumentare. “Perché il tempo è sempre più abbreviato - dice il Signore - e ciascuno deve essere piantato al suo posto preciso nell’opera locale. Per altri deve essere un posto in un’opera piuttosto che in un’altra, quel posto che Io ho riservato a quella singola persona e che non è di nessun altro”. La persona in quel luogo deve essere curata, preparata e formata, e lì prospererà spiritualmente, anche se potranno esserci delle battaglie contro di essa perché il diavolo non vuole che ognuno sia al proprio posto. Satana sa questo, purtroppo siamo noi credenti che spesso non lo sappiamo. Il diavolo sa che un esercito pronto, compatto, unito e dove ognuno è al suo posto è invincibile. Proprio perché conosce questo, cercherà in ogni modo di portare i discepoli fuori dal loro posto preciso, da quella mattonella che deve essere incastrata in quel pavimento, e che non è di nessun altro. Satana sa questo, ma il problema è che tante volte i pastori, i ministri, i responsabili di opere, i profeti, gli apostoli e quelli che sono dati per il governo della Chiesa non lo hanno chiaro. E ancora meno lo sanno le persone, i singoli discepoli, che quindi si lasciano ingannare e anche fuorviare da pensieri e falsi discernimenti e da situazioni e vicende che cercano in qualche modo di portare via la persona dal proprio posto. C'è un avvertimento forte e pressante che arriva dallo Spirito del Signore, ed è per noi per primi, ma anche per tutta la Chiesa e i singoli discepoli: “Dovete stare ed essere messi nel vostro posto preciso e specifico nella chiesa locale”. Quelli che sono di una comunità in un certo luogo, ma che il Signore ha stabilito che siano in un altro, lo Spirito Santo li vuole spostare per metterli nel posto dove Dio ha stabilito. Se queste persone restano in un posto che non è perfettamente quello che Dio ha pensato, non realizzano a pieno e al 100% il Suo proponimento. Quel posto può essere buono ma non è il migliore, e lo Spirito Santo dice questo: “Cercate il meglio non il buono, e cercate la Mia perfetta volontà”.

Anche le chiese locali devono essere messe a posto come si fa con gli scacchi. Ho avuto questa immagine: le chiese locali devono essere messe a posto, proprio come quando si deve iniziare una partita di scacchi e ogni pedina deve essere al Suo posto prima di cominciare. E il Signore sta portando la Chiesa in una nuova partita, sta iniziando un nuovo tempo e un nuovo gioco, e ogni pedina e ogni singola persona devono essere al proprio posto prima di dare il via all’ultima partita, quella riguardante gli ultimi tempi e quello che Dio ha messo davanti per questi prossimi anni per la Chiesa in Italia.

Il 2011 è un anno di cambiamento e stravolgimento per le singole comunità e anche per i singoli discepoli, perché saranno travolti, stravolti e cambiati dalla Potenza dello Spirito Santo, dalla direzione dello Spirito Santo e da quello che dirà. Non mi aspettavo questo cambiamento, questo stravolgimento e questo terremoto anche nelle chiese locali, ma è necessario perché devono essere messe a posto le persone nelle singole chiamate, nei singoli ministeri e nelle singole opere. Amen.

C'è poi una cosa che si collega sempre a questo anno di  stravolgimento e cambiamento, anche se in un aspetto diverso e in una visuale differente: nel 2011 ci sarà ancora un incremento di effetti geofisici e di fenomeni naturali sulla Terra, quindi aumenteranno le alluvioni, le ondate di calore e di gelo, i terremoti, le eruzioni, gli tsunami, e il mondo attraverso questo andrà verso una maggiore unità, che sarà però “mondana”, un'unità di “pace e di sicurezza” sotto la pressione e il timore di questo moltiplicarsi di eventi e di catastrofi. Il mondo avrà sempre di più queste paure, queste incertezze dell’oggi ma anche di quello che riserverà il domani, quindi crescerà la pressione e il timore riguardo al moltiplicarsi di questi eventi, e questo produrrà una sorta di instabilità interiore ancora maggiore.

E qui c’è un avvertimento per tutti coloro che sono credenti di etichetta e di forma e non sono ancora quei discepoli che Gesù sta chiamando ed ha chiamato: ci saranno delle improvvise spaccature e alcune di esse anche molto forti in chiese grandi; queste spaccature avverranno in strutture grandi a livello denominazionale, a prescindere dalle tipologie diverse di etichetta, siano esse evangeliche, pentecostali, cattoliche o movimenti di varie chiese. Ci saranno delle spaccature improvvise e queste strutture scricchioleranno e si destabilizzeranno sotto la potente mano di Dio.

In questo anno anche il denominazionalismo, quello più strettamente pentecostale, subirà ancora di più un terremoto ed una conseguente emorragia di anime. Molte persone “stanche” nello spirito e nell’anima usciranno fuori, ma non saranno persone ribelli, come verranno etichettate da chi è al potere, bensì saranno quei cuori affamati d’Amore puro e di libertà, quella vera. È altresì vero che all’interno delle comunità e delle chiese ci sono dei ribelli, la storia ce lo insegna ed è sotto gli occhi di tutti quante persone sono guidate da spiriti di ribellione, indipendenza e individualismo. Ora non sto parlando di queste persone, perché lo Spirito Santo mi ha messo un'attenzione particolare su quelle anime e quelle pecore che attraverso questi terremoti e spaccature saranno invece raccolte dallo Spirito Santo. Qui non si tratta di fare proselitismo, di prendere delle persone da un’etichetta e di portarle in un’altra, o di dire “lascia quella chiesa per venire nella mia”, perché le chiese non sono nostre e la vera Chiesa è quella di Gesù Cristo e dello Spirito Santo, che non ha un’etichetta umana. Lo ripeto, non si tratta di proselitismo, ma di anime vere, desiderose e affamate, che ancora in questo anno saranno raccolte dopo questa destabilizzazione che procederà dalla potente mano di Dio in tutto il cristianesimo denominazionalista. Quindi ci saranno anime che verranno e non saranno ribelli al potere, ma anime e cuori affamati d’Amore puro, di libertà dello Spirito Santo e della Verità che viene dal Cielo, non quella verità dell’etichetta umana.

Ci saranno ancora in questo anno delle chiese e delle opere che chiuderanno, e nuove opere dello Spirito Santo, e qui sottolineo dello Spirito, che nasceranno da Lui e saranno opere veramente apostoliche e profetiche di restaurazione. Non saranno opere da parte dell’uomo, della religione e dell’etichetta, ma da parte dello Spirito Santo, e si aggiungeranno e prolifereranno sul territorio nazionale.

Il Signore mi ha portato su una parola molto tagliente e forte in Zaccaria 10:3: «La mia ira divampa contro i pastori e punirò i capri, perché l'Eterno degli eserciti visiterà il suo gregge, la casa di Giuda, e ne farà come il suo maestoso cavallo in battaglia» (Zaccaria 10:3). Qui dice la Mia ira divampa contro i pastori e punirò i capri, quindi ci saranno dei pastori che saranno tolti dal “loro” posto, perché quello non era la “loro” chiamata e non era neppure il “loro” luogo. Ci saranno pastori che saranno tolti dal loro posto perché il Signore sta visitando il Suo gregge, la casa di Giuda, e ne farà il Suo maestoso cavallo di battaglia. L’Eterno degli eserciti sta visitando il Suo gregge con questa potente rivelazione e questa restaurazione dello Spirito che provengono dal Cielo. Mentre fa questo, il Signore toglierà i capri e i pastori che non sono, per stabilire quelli che sono.

In questo 2011 ci sarà una nuova unità dello Spirito Santo che comincerà a manifestarsi. Una nuova unità dello Spirito che si manifesterà in mezzo alle nuove generazioni, in mezzo ai giovani e agli adolescenti. Sarà qualcosa che è stato detto e dichiarato già da anni dallo Spirito Santo e che avrà una visibilità maggiore sul territorio italiano. “Riconoscete quest’opera - dice il Signore -: Miei servi, Miei ministri e Miei discepoli tutti, riconoscete quello che sto per fare, riconoscetelo perché è una cosa nuova”. Amen.

 

2011, un anno chiamato: “UNITA'”

Unità sempre maggiore, perché il 2011 sarà l’anno dell’unità. Un’unità ancora maggiore tra le fila dell’esercito che Dio sta formando e manifestando in questi ultimi anni. È un'unità d'Amore. Ci sarà ancora un incremento di unità d'Amore, di Fede, di Speranza, di visione, di obiettivi, di zelo, di determinazione e di potenza. Il diavolo ha vagliato in molti modi quest’unità nel 2010, e Dio lo ha permesso, per vagliare le intenzioni dei cuori dei Suoi figli e dei Suoi discepoli; ma ora, dopo la prova, ci sono una nuova maturità e una nuova crescita nell’unità con i frutti che ne conseguono. Che questa parola sia di incoraggiamento per quelli che nel 2010 sono stati attaccati dal diavolo nella propria mente e nella propria carne in molti modi, e anche per quelle opere che sono state attaccate. Attenzione: questa è una situazione diversa da quella che è stato descritta nel punto di prima, in cui si parlava di terremoto e spaccature nelle denominazioni.

Il Signore in questo anno porta ad una maggiore maturità e ad una crescita nell’unità, e questo avrà una raccolta meravigliosa di frutti che conseguono da questa rinnovata e manifesta crescita nell’unità. È scritto nella Parola di Dio, in Corinzi, che al tempo di Paolo si erano rese necessarie delle divisioni fra i credenti di Corinto, affinché fossero manifestati quelli approvati da Dio. Questa è una parola ancora più forte per il 2011, un anno di unità e un anno di frutto manifesto di questa unità, nel Nome di Gesù Cristo.

 

2011, un anno chiamato: “AMICIZIA”

È un anno di amicizia con Dio. Bisogna tornare all’amicizia con Lui, quindi per molti credenti e discepoli ci sarà una conoscenza reale di Dio come vero amico; ma dall'altra parte anche loro stessi saranno amici Suoi.

Molte persone, molti credenti e discepoli hanno vissuto un Dio d'Amore ma non un Dio di amicizia. Nel 2011 ci sarà una conoscenza ancora diversa, ancora più profonda del Dio Amico. Quindi dichiariamo insieme il 2011 come un anno di amicizia con Gesù e con lo Spirito Santo, e di un’amicizia ancora rinnovata fra fratelli e fra ministri. Alcune relazioni non saranno soltanto ministeriali o di scambio di pulpito, ma di vera amicizia fra ministri. Saranno tempi per stare insieme come veri amici, non solamente come ministri chiamati dal Signore nella comune fede e visione o in cose anche simili dell’Unzione, del movimento profetico, apostolico e dello Spirito Santo. I ministri avranno del tempo per stare insieme come amici, in tutto quello che ne comporta, e questo produrrà un frutto diverso da quello che è stato negli anni passati, proprio in seno alle reti ministeriali.

Prima del lavoro ministeriale arriverà il lavoro della relazione, e questo anche tra i singoli credenti. Quindi si tratterà di un lavoro verticale con Dio, di amicizia e conoscenza di Lui come vero amico, e anche per noi di essere Suoi amici. Questo è il verticale della croce. Ma sarà un 2011 con qualcosa di molto particolare, di molto bello, nuovo e fresco anche fra le relazioni orizzontali e nell’orizzontale della croce, quindi nel corpo di Cristo, tra fratelli, tra collaboratori e tra ministri. Lo Spirito Santo lavora già per questo, e i discepoli e i ministri dovranno collaborare in modo più attento insieme allo Spirito Santo su questa direzione. Chi sarà pronto e accetterà questo, lo farà; chi non sarà pronto, avrà un tempo diverso, perché il Signore conosce ognuno e sa i tempi giusti e i movimenti per ciascuno. Amen. Alleluia. Gloria a Dio per questo.

 

2011, un anno chiamato: “RISCATTO”

Il Signore aveva già parlato di riscatto in modo forte per l’anno passato, ma c’è ancora un’enfasi e un’attenzione che lo Spirito Santo mette su questo. Lui pone la sua lente di ingrandimento su questa parola: “Riscatto”.

Pecore che sono state allontanate o che erano lontane e disperse saranno ancora riprese e raccolte; anime saranno prese dalle tenebre, come già avevamo ricevuto nella parola profetica del 2010. Tesori, mezzi materiali ed economici saranno riscattati nel Nome di Gesù. Il 2011 è un anno di moltiplicazione e ancora di abbondanza, in ogni area, sia nelle anime che nel materiale. Quindi prendiamo ancora forza e fede in questa parola, dichiarandola. E preghiamo e proclamiamo che questo 2011 sarà un anno e un tempo di riscatto di quelle pecore che sono lontane e saranno riprese, e di quelle che sono disperse e saranno di nuovo ritrovate e afferrate.

Anime che verranno a Gesù Cristo in un modo meraviglioso. Questo ci ricollega ai primi punti di questa parola profetica, che parlavano di un anno di Pioggia, di Grazia, di Amore. Sarà anche un anno di riscatto, il riscatto del sangue dell’Agnello di Dio su tutte le cose che sono state controllate dal diavolo, dalle tenebre, dalla religione e dal peccato. Riscatto nel Nome di Gesù, che produrrà moltiplicazione e abbondanza, sia nelle anime che nell’economia e nei mezzi per portare avanti l’opera del Signore.

 

2011, un anno chiamato: “RACCOLTA, GERMOGLI E PRIMIZIE FRESCHE PER IL REGNO DI DIO”

Il 2011 è un anno in cui i germogli e le primizie saranno raccolte con molta attenzione, cura e dedicazione. Dovremo però stare attenti a come raccoglieremo per il Regno, perché ho visto queste pianticelle così belle, con un colore verde brillante, ma nello stesso tempo così delicate. Da una parte c'è una parola di proclamazione e di fede che lo Spirito Santo dà sulla raccolta per il Regno, ma, dall'altra, pone anche un'attenzione a come raccoglieremo, per non rovinare queste pianticelle, questi germogli freschi nuovi, perché dovranno essere raccolti, piantati nel giusto terreno e custoditi e protetti dalle intemperie. “Dovete stare attenti - dice il Signore - a non metterli troppo al sole, o troppo esposti al vento e alle intemperie. Curateli e metteteli nel posto più protetto della Mia casa e della Mia Chiesa”. Ho visto questi germogli che verranno raccolti e che dovranno essere custoditi in un punto preciso della casa del Signore, perché non siano sciupati o calpestati da quelli che sono già cresciuti e troppo grandi.

Questo 2011 ci pone un’attenzione proprio su questo, perché sarà una raccolta per il Regno di Dio. Non si tratterà più di proselitismo, di trasformare le persone in evangelici o in pentecostali, ma di fare discepoli del Regno di Dio, discepoli di Gesù Cristo, del Gesù Vivente, della Parola Vivente e dello Spirito Santo. Proprio lo Spirito Santo ci avverte: “Smettetela di fare proseliti dell’uomo e della religione. Basta con i proseliti evangelici o pentecostali, ma fate discepoli del Regno dei Cieli e di Gesù”. Amen. E il Signore mi ha fatto anche vedere una cosa molto bella: una raccolta per il Regno dalla chiesa cattolica romana.

Da un’indagine recente sugli italiani fatta in questi ultimi anni, c’è un cambiamento sostanziale del tessuto sociale religioso del nostro Paese: prima i cattolici erano il 90% della popolazione, ora sono il 40%, ma solo il 20% di loro è praticante; il 60% degli italiani si riconosce ateo, anche se ha radici cattoliche e religiose e osservano i dettami della tradizione cattolica romana. Questo che cosa significa? Che non dobbiamo giudicare il credente cattolico romano, ma dobbiamo riflettere come in questa disgregazione, in realtà, ci sia un terreno maturo per un cambiamento sostanziale. Questo è un anno in cui il Signore raccoglierà tanti cuori che sono Suoi, cuori meravigliosi e pronti per il Regno di Dio e per conoscere la Verità, la Potenza del Regno dei Cieli, il Gesù Vivente e il Dio Vivente; questo avverrà anche in seno al cattolicesimo romano e a quel 60% di atei che ha radici cattoliche e che sta aspettando una risposta dal Cielo, una risposta di Verità, d'Amore e di Potenza del Dio Vivente. Amen. Alleluia.

 

2011, un anno chiamato: “BATTAGLIE”

Qualcuno si può spaventare sentendo questa parola, ma non deve esserlo, perché i figli di Dio e il Suo popolo sono abituati alle battaglie e dovranno esserlo per il futuro. Nel 2011 ci saranno battaglie improvvise, per conquiste improvvise nel territorio che Dio pone davanti ai singoli e alle opere.

Negli anni passati lo Spirito Santo ci aveva già dato questa parola, ma c’è un’attenzione particolare anche nel 2011 su questo aspetto. Ci saranno delle battaglie improvvise, perché ci sono conquiste improvvise da fare. Saranno battaglie forti, dure, aspre, ma lo Spirito Santo dice: “Saranno brevi e bisognerà combatterle. Non demordete di fronte a queste battaglie, perché alcune saranno molto forti, dure e aspre, e saranno un po’ come quando arrivano quei temporali violenti e improvvisi d’estate, che più sono violenti e più sono brevi, ma intensi. Queste saranno tempeste e battaglie immediate, che avranno una durata breve e che dovranno essere combattute con un’intercessione soprannaturale, ancora più particolare e rivelativa dal Cielo e dallo Spirito Santo, e non con un livello d'intercessione normale. Dovranno essere combattute con la Parola, con la fede nella Parola e con la fede nelle promesse. Dovranno essere affrontate in un modo determinato e continuativo, perché non saranno lunghe ma brevi, e porteranno a conquiste improvvise”.

Come saranno queste battaglie? Improvvise, come un dragone che dorme e che viene risvegliato bruscamente da un colpo violento di spada alle spalle; sarà allo stesso modo, perché il popolo di Dio, certe chiese, certe comunità e certi ministri, entreranno con la Potenza di Dio e con la Sua direzione in un territorio nuovo e conficcheranno la spada della vittoria nella schiena del dragone. Questo produrrà una reazione violenta e breve di questo dragone, ma non temete, rimanete fermi, combattete questa battaglia forte, dura e aspra, perché sarà di breve durata e produrrà un frutto per la Gloria di Dio. Alleluia. Amen.

Ci saranno porte efficaci e grandi che si apriranno ancora. Ho visto porte che si apriranno di fronte alle singole comunità, ai singoli ministri, agli apostoli, profeti, evangelisti e pastori, ma come dice 1 Corinzi 16:9 ci saranno molti nemici: «Perché mi si è aperta una porta grande ed efficace e vi sono molti avversari». Ci saranno molti nemici e avversari, perché ci sono porte efficaci che si sono già aperte ed altre che si apriranno in questo 2011. Più andremo avanti in questi anni e più ci saranno porte che si apriranno velocemente, ma ci saranno molti nemici e molte battaglie, ma anche molte vittorie. Gloria a Dio. Amen.

La battaglia è strettamente collegata all'intercessione. Il 2011, infatti, è l’anno dell’intercessione, un’intercessione nuova, più profonda, più potente e diversa per lo Spirito Santo e nello Spirito Santo. Sarà anche accompagnata da digiuni spontanei, sorprendenti e soprannaturali, nei quali le persone, le chiese e le assemblee saranno portate dal Signore. Ci sarà un digiuno spontaneo che verrà fuori e germoglierà in modo ancora nuovo e fresco, sarà un digiuno sorprendente, soprannaturale e di qualità; in certi casi sarà anche di più giorni, e non sarà solo legato alla quantità ma più che altro alla qualità.

Il 2011 è un anno in cui ci sarà un incremento proprio in questa intercessione potente per lo Spirito e nello Spirito; ci sarà un incremento di sogni e visioni, di estasi e rapimenti nello Spirito, di soprannaturalità e manifestazioni soprannaturali che accompagneranno queste intercessioni. Durante queste intercessioni, sia singole che comunitarie, ci sarà un incremento della rivelazione e della manifestazione del Regno soprannaturale e profetico, con tutta la conoscenza che ne scaturirà proprio attraverso questi momenti. Chiese, opere, nuove comunità e singoli credenti saranno spinti in questa esperienza nuova. Ci saranno dei momenti molto belli, particolari e davvero gloriosi di intercessione, sia nel singolo che nei gruppi spontanei; saranno anche intercessioni spontanee potenti e gloriose, che produrranno un frutto di Gloria meraviglioso in questa nazione, nel Nome di Gesù. Amen.

 

2011, un anno chiamato: “SEMPLICITA' E PROFONDITA' DEL REGNO DI DIO”

Il 2011 sarà l’anno della semplicità. “Coloro che saranno pronti per questo tempo, saranno riportati alla semplicità - dice il Signore - Quella semplicità che si deve avere riguardo alle cose del Mio Regno, dello Spirito Santo e di Gesù”.

Ci sarà una semplicità meravigliosa nella quale verrà riportato il popolo di Dio e quei discepoli che con un cuore umile saranno pronti a questo. Particolarmente bella la visione che ho ricevuto su questo aspetto: ci sarà un primo gruppo che sarà raccolto di “Bambini di Gesù”. È una parola particolare, perché purtroppo nel mondo ci sono sette sataniche e tenebrose che usano farsi chiamare “bambini”. Ma il Signore mi ha dato questa parola: gruppi di “Bambini di Gesù”, i bambini dello Spirito Santo, che saranno chiaramente molto belli e particolari, con una semplicità a cui lo Spirito Santo sta riportando molti discepoli; ma nello stesso tempo questi gruppi di discepoli e di credenti che sperimenteranno questa nuova semplicità, questa nuova profondità nel Regno di Dio nella semplicità di fanciulli, saranno bersaglio degli spiriti diabolici della religione e della teologia sapienziale umana.

Questo mi ha fatto vedere il Signore: saranno attaccati da questi spiriti diabolici della religione, della religiosità e della teologia sapienziale umana, che cercheranno di bloccare, scandalizzare e raffreddare questi germogli semplici ed efficaci insieme allo Spirito Santo; ma il Signore li proteggerà in un modo soprannaturale e meraviglioso, perché per lo Spirito Santo e per il Signore Gesù saranno dei “SEGNI” per quest'ultima generazione di credenti gonfi secondo l’uomo, la carne e la religione, anche in seno al cristianesimo autentico. Ma il Signore darà un segno chiaro e tangibile di umiliazione per questi credenti gonfi, e manifesterà questa semplicità, di discepoli che vivono come bambini dello Spirito Santo nelle Sue Mani. Alleluia. Amen.

 

2011, un anno chiamato: “GIOIA E PACE NELLO SPIRITO”

È una parola semplice quanto forte, che ho sentito dentro di me: gioia della salvezza delle anime. Questo 2011 sarà un anno di gioia e pace, gioia della salvezza delle anime che vengono al Signore, una gioia incontenibile e del Regno. Ci sarà un riversamento di gioia e di pace nello Spirito. Non sarà soltanto un riversamento nei cuori, ma per alcuni discepoli e credenti sarà rimettere un'attenzione su questa gioia e su questa pace che è già nel loro cuore, ma che è stata oppressa, costretta e compressa dalle persecuzioni, dalle preoccupazioni, dalla carne, dall’opera stessa di Dio, dalle vicende, dagli attacchi, dalle debolezze e dalle cadute. Il dono della gioia e della pace dello Spirito Santo che abbiamo già dentro di noi sarà ripreso e ravvivato in questo anno, nel Nome di Gesù. Inoltre, sarà riversata un'unzione fresca di gioia e di pace soprannaturale direttamente dal Cielo su tutti i figli di Dio, i credenti e i discepoli di questa nazione.

Lo sottolineo di nuovo: gioia della salvezza delle anime che vengono al Signore, una gioia del Regno di Dio che è già in noi ed è quella dello Spirito Santo; è una gioia che viene aggiunta con una fresca unzione dal Cielo, una gioia e una pace anche nella raccolta del bottino.

Si gioirà in questo anno perché il bottino viene raccolto, un bottino di anime e di cose materiali che sono già pronte e che saranno prese. In questo anno molte cose verranno prese dai figli di Dio e dalle chiese per la Gloria del Signore, e ci sarà una gioia incredibile e un ringraziamento che salirà dal cuore dei discepoli al cuore del Padre, insieme allo Spirito Santo, per questo bottino raccolto, nel Nome di Gesù Cristo. Amen.

 

2011, un anno per: “GLI APOSTOLI DEGLI ULTIMI TEMPI”

Nel 2011 cominceranno a spuntare gli apostoli degli ultimi tempi. Alleluia! Saranno manifestati in Italia gli apostoli degli ultimi tempi, e il Signore dice: “Questo è solo l’inizio per questa nazione. Usciranno ancora di più allo scoperto, perché alcuni sono già all’opera - dice lo Spirito Santo - Sono già all’opera e finora sono stati come custoditi e protetti, ma cominceranno a venire più allo scoperto”. Questi apostoli che Dio chiama, e quelli che ha già chiamato, saranno manifesti in modo più tangibile, più pubblico, e avranno un incremento di unzione in queste aree in particolare: Amore del Regno di Dio, Sapienza del Regno, Discernimento del Regno, Potenza del Regno, Autorità del Regno, Fede del Regno e Rivelazione del Regno. Ci sarà un incremento di unzione su questi apostoli in queste sette aree.

Essi verranno fuori, ma è solo un inizio, non pensiamo di vedere in questo anno l’adempimento nella totalità di questa cosa. Cominceranno soltanto ad essere manifesti in questa nazione gli apostoli secondo il cuore di Dio e gli apostoli degli ultimi tempi, con tutta l’unzione e l’equipaggiamento necessari.

Poi c'è una parola forte che lo Spirito Santo mi ha dato: mentre accade questo, altri che si dicono apostoli o che gli altri riconoscono come tali, ma che in realtà non lo sono, saranno fermati e bloccati, perché questo è un tempo anche di giudizio. Mentre accade la manifestazione dell’opera di Dio di restaurazione degli ultimi tempi, quegli apostoli che vengono considerati tali o che qualcuno li ha appellati in questo modo, ma che in realtà non lo sono, saranno fermati in questa chiamata, perché non è la loro chiamata. Sarà quindi un tempo di chiarezza, dove ognuno verrà messo al suo posto. In questo caso lo Spirito Santo mette un focus sul ministero apostolico degli ultimi tempi. Amen.

 

CONCLUSIONE

Questo non è il tutto, lo ripeto e ci tengo a sottolinearlo, ma è ciò che credo che lo Spirito Santo del Signore mi ha mostrato per questo anno. Tutta questa parola è al vaglio dello Spirito Santo stesso, e so che quello che è da Dio verrà confermato e quello che è dall’uomo non lo sarà.

Ma ho una certezza nel mio cuore ed è quella per cui ho condiviso questa parola in questo inizio d’anno: so che l’opera che il Signore ha iniziato, Lui la porta a compimento. Noi siamo uomini, ma Lui è Dio; noi cadiamo e siamo deboli, ma Lui è Forte, Giusto, Perfetto e Fedele. Questa è la cosa che più mi dà gioia, perché la gioia più grande è vedere la Sua Gloria e la Sua opera manifestarsi e il Suo Regno espandersi su questa Terra e nella Chiesa, nei Suoi discepoli, nei Suoi ministri e nelle opere che Lui ha cominciato, non in quelle di noi uomini ma in quelle che Dio ha iniziato, perché Lui le porta a compimento. Gloria a Dio! Vi benedico nel Potente Nome del Signore Gesù. E tutta la Gloria e la Lode vanno a Lui, al Padre e allo Spirito Santo. Amen.

© 2012 - Centro Cristiano Fede Speranza Amore - Via Empoli, 15/2 - Firenze - CONTATTACI